NATALE A CALDERA

Sì, lo so, ho appena finito di asciugarmi le lacrime per la mia amata Verdansk, ma non entrerò nella polemica su quale mappa sia meglio: A - perché il passato è passato ed è inutile che mi dici: ah minchia quando andavamo noi al liceo! Siamo dei boomer di Verdansk zio, godiamoci il presente B... Continue Reading →

CARTOLINE DA VERDANSK

Un aereo che buca le nubi e apparivi così: le torri di Prison, guardiane del mare, le gru, i sobborghi, lontano il profilo austero di Dam. Oggi scendiamo a casa mia. E pingavo Promenade East, così sovietica e così borghese. Sì, perché ognuno ha un quartiere di Verdansk che ha imparato a chiamare casa: il... Continue Reading →

ZITTI E BUONI GULAG EDITION

Parodia in stile Warzone della Canzone dei Maneskin. Quante volte siete rientrati dal Gulag nello stesso punto in cui vi hanno atterrato per riprendervi ciò che è vostro? Buona sera signore e signori, fuori i sensori! Noi siamo fuori dal Gulag e ritorniamo da loro! Ringraziamo anche gli amici di EndZone I Warzone per il... Continue Reading →

CI HANNO FRIEND(WAR)ZONATI

Se siamo ancora tutti qui, a sragionare su Warzone, è perché di questo gioco ci siamo presi una bella cotta. Non vergognamoci, è una relazione difficile ma intensa, altrimenti non continueremmo a leggere e scrivere di cheater, bug e quant'altro. L'idea di Warzone è semplicemente superfiga, ma ogni storia d'amore ha bisogno di essere nutrita... Continue Reading →

IL BULLO DI REBIRTH ISLAND

E' andata più o meno così: inizio un terzetti random a Rebirth Island. Siamo tre italiani. Dopo meno di trenta secondi uno muore e inizia a inveire contro l'altro, dicendogli che è un coglione e che doveva essere più veloce a prendere le armi. Gli ricordiamo gentilmente che è solo un gioco e che se... Continue Reading →

CARA VERDANSK TI SCRIVO

Ci siamo conosciuti un anno fa e non è stato subito feeling. La prima volta scesi a Boneyard dicendomi: chi mai avrebbe interesse a visitare quelle carcasse d'aereo? Fu una visita breve. E fu subito gulag. Col passare del tempo ho imparato a conoscerti, evitavo Downtown e Superstore come la peste per provare ad allungare... Continue Reading →

Blog at WordPress.com.

Up ↑