IL BULLO DI REBIRTH ISLAND

E’ andata più o meno così: inizio un terzetti random a Rebirth Island. Siamo tre italiani.

Dopo meno di trenta secondi uno muore e inizia a inveire contro l’altro, dicendogli che è un coglione e che doveva essere più veloce a prendere le armi. Gli ricordiamo gentilmente che è solo un gioco e che se vuole può anche quittare, dato che continua a insistere sul fatto che siamo troppo scarsi per lui. Niente, prosegue imperterrito. Mi ritorna in bocca quel gusto acido di quando si giocava al campetto e il bulletto del quartiere ti diceva: esci che gioco io. 

Peraltro nel corso della partita viene crivellato altre volte, dimostrando di non essere questo grande pro. Arriviamo al cerchio finale e rimaniamo solo io e il bullo nei pressi di Harbor. A un certo punto viene messo a terra da un cecchino, io cerco di andare da lui senza farmi ammazzare e lo sento dire “guarda questo mongoloide se viene a tirarmi su”. Per un momento penso di lasciarlo lì, poi mi avvicino, pianto la siringa e lo rianimo. Ma solo fino a quando manca l’ultimo colpetto. Mi alzo e gli dico “che c’è, non riesci a ressarti da solo?” 

Lo lascio a morire nel gas, cala il silenzio, sento solo l’altro ragazzo che soffoca una risata nel microfono. 

Alla fine siamo arrivati secondi, ma non poteva che andare così. La storia è questa: loro ci saranno sempre. Vinceremo sempre noi.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Blog at WordPress.com.

Up ↑

%d bloggers like this: