CARA VERDANSK TI SCRIVO

Ci siamo conosciuti un anno fa e non è stato subito feeling. La prima volta scesi a Boneyard dicendomi: chi mai avrebbe interesse a visitare quelle carcasse d’aereo? Fu una visita breve. E fu subito gulag.

Col passare del tempo ho imparato a conoscerti, evitavo Downtown e Superstore come la peste per provare ad allungare la mia aspettativa di vita. Proponevo Farmland ai miei compagni, facciamoci una bandierina. Era bello pascolare tra mucche morte e orticelli, arrampicarci nei fienili e smitragliare il panorama bucolico. Nelle casse c’era solo il Fal, si moriva crossando il canale, negli occhi il sogno di arrivare in città, nelle orecchie “ti riportiamo a casa, soldato”

Ho sempre odiato Quarry, troppo tentacolare e piena d’insidie, invece amavo atterrare sulle gru di Port, nella convinzione di cecchinare il mondo dall’alto e anche lì, guarda un po’, mi facevano. Ho trovato la mia prima win sulle cisterne vicino ad Airport e la seconda a Hills. Mi piaceva police e odiavo pompieri perché quel cazzo di camion sempre in moto non mi faceva sentire i passi. 

Abbiamo passato tanto tempo insieme, ci siamo divertiti come degli studenti in Erasmus. 

E le serate al Gulag? Quelle sono indimenticabili: sembrava il bar del paesello dove conoscevo a memoria tutta la tabella dei gelati.

Non so cosa accadrà ora, ma volevo solo dirti che ti ho amata e odiata per le smirate, i camperoni sulla torre di controllo, i quad saltati in aria, l’animazione della maschera antigas, i load out finiti sui pali della luce, la notte di Halloween, le traduzioni dal russo, le armi da nerfare ed ogni volta in cui ho messo piede a terra e mi hai sussurrato all’orecchio “l’obiettivo è farli fuori tutti”.

Mi sono lamentato dei cheater, dei bug, dei glitch, proprio perché mi dispiaceva vederti violata in quel modo.

In questo anno così difficile per il mondo, sei stata il luogo in cui con gli amici Senza Mani più pazzi ci siamo detti che siamo ancora in grado di sorridere. Per questo posso solo ringraziarti.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Blog at WordPress.com.

Up ↑

%d bloggers like this: