PADRI, FIGLI, GAMER

La prima persona che ho visto giocare a un videogame è stato mio padre. 

Erano gli anni 80 e con mio zio si sfidavano in un gioco di sci, in cui un ammasso di pixel era Alberto Tomba e un altro Pirmin Zurbriggen.

Nel tempo abbiamo coltivato insieme questa passione, prima sul Mega Drive e poi al PC. Quanti campionati su Pes: io e mio fratello che cercavamo di fare squadre equilibrate e lui che si comprava Gerrard e Zidane e ci segnava da metà campo. In Winter Challenge ci legavamo il filo del gamepad attorno alla gamba per premere più velocemente il tasto con l’indice e vincere le gare di pattinaggio di velocità. Quante botte su Street Fighter e auto nei dirupi col primo Need for Speed.

Oggi continua a essere un discreto gamer. Ha platinato CoD wwII e ci siamo fatti qualche warzonata, ma mal digerisce la frenesia del gioco online, si spara dei campionati col Genoa su Fifa e odia Fut perché trova assurda questa cosa che in un gioco che è tuo non puoi comprare chi ti pare quando ti pare (e forse tutti i torti non li ha).

Recentemente ha scoperto Rdr2 e al momento è nella prateria a procacciarsi pelli di cervo.

I videogiochi per noi sono sempre stati questo: svago, fantasia, competizione, tempo da passare insieme. Ci uniscono ancora, a trent’anni dalle prime partite.

E nel frattempo mio figlio ci osserva. Sa che è ancora presto, ma arriverà quel momento e se gli chiedi cosa fanno papà e il nonno, mette le dita in modalità mirino e ci scioglie oneshot.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Blog at WordPress.com.

Up ↑

%d bloggers like this: