PUNTO E A CAP – Division Rivals

Elenco cose schifose: cacca, vermi, Division Rivals.

Possiamo dircelo apertamente, tra noi che amiamo FUT, che le Division Rivals sono una delle competizioni più becere ever. Tolte le Squad Battles, di cui mi occuperò più avanti, ma che essendo pure offline si candidano già al premio monnezza 2020, le Rivals sono una fucina di frustrazione e patimenti.

Ma andiamo con ordine. Un tempo vi erano le Divisioni, che non erano ‘sta meraviglia, ma almeno avevi una stagione di dieci partite in cui lottavi tra retrocessioni e promozioni, e c’era quel pathos della decima in cui ti giocavi il tutto per tutto. C’erano poi quei bei tornei settimanali, con premi a tema o l’accesso alla WL, con tutta l’adrenalina dell’eliminazione diretta.

Le Rivals sono un lungo fiume che scorre nel nulla. L’unico momento cruciale, e che puntualmente ogni anni ognuno di noi fallisce, sono le cinque partite iniziali: in pratica giochi cinque match di un gioco ancora sconosciuto al termine dei quali verrai per sempre condannato al girone infernale della divisione che ti assegnano. Da lì, quello che succede a me (ma non siate timidi, so che succede anche a voi) è che passo l’intera stagione a barcamenarmi su e giù di un paio di divisioni. Quest’anno ho esordito in divisione 7, ora siamo ad aprile e sono fermo alla 5.

Chiunque sano di mente avrebbe già smesso da tempo, se non lo abbiamo ancora fatto è perché il gioco ci convince di una cosa, che in realtà è palesemente falsa: che con giocatori più forti scaleremo la classifica. Quindi ci attrezziamo con un impianto di compravendita che neanche wall street, facciamo i milioni, compriamo il mondo e cosa accade? Assolutamente nulla.

Ho iniziato con Immobile e Papu Gomez davanti, 50 k di attaccanti, sono passato attraverso Son e Ben Yedder e mille altri, oggi ho Cruyff mid e Messi Totgs che in due valgono 5.5kk ovvero cento volte i primi due. E sono sempre lì.

Sento un’eco lontana che mi dice “non hai le mani”, evitate di pigiare questa frase sulle vostre sozze tastiere: non ho le mani, ma sono sempre quelle e se affronto la 5a divisione con undici fottuti top dovrei sentire un minimo di differenza rispetto a settembre.

Come se non bastasse, quest’anno le volpi artiche di EA si sono inventate gli icon swap. Che tradotto significa migliaia di bomberoni che scendono di divisione per fare più velocemente gli swap. Un povero cristo che ha pianto sangue per arrivare a 999 punti il mercoledì sera (mi è accaduto davvero) si trova così a giocarsi la divisione 6 che insegue da mesi col fenomeno di Nascimiento che gli fa le rabone con Taarabt Flashback.

Sono un pollo, lo so. Così pollo che se il giorno dopo per caso vinco una Rivals di culo al 90esimo, nel mio cervello scatta un meccanismo malato per il quale credo di aver trovato l’equilibrio perfetto di tattiche, modulo e giocatori e mi metto a fare calcoli sulle vittorie che mi mancano per la divisione 1.

E la giostra ricomincia.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Blog at WordPress.com.

Up ↑

%d bloggers like this: