GUERRA E VIDEOGAMES

Le drammatiche notizie dell'Ucraina ci stanno colpendo un po' tutti. E nelle community di videogames ciascuno reagisce secondo quello che sente dentro. C'è chi chiede di mettere la bandiera Ucraina nel proprio profilo, chi propone uno sciopero dei giochi di guerra, chi ritiene non abbia senso mischiare l'intrattenimento con la politica o la vita reale.... Continue Reading →

FESTIVAL DI CALDERA

Da Sanremo al Pacifico è un attimo. Forse vi ricorderete di noi per "Una vita da Warzono" o "Gli Anni a Verdansk" e ora votate la vostra canzone preferita. La metteremo in musica! "Nudo senza la mia skin non mi aiuta neanche il ping e ti vorrei killare ma smiro sempre e ti vorrei donare... Continue Reading →

DACCI IL NOSTRO AYDAN QUOTIDIANO

Leggendo le discussioni riguardo i player italiani che durante un torneo di Warzone hanno evitato di ingaggiare gli avversari, emerge in tutta la sua lampante luce l'essenza dei Senza Mani di cui sono orgoglioso rappresentante. La discussione era tra chi sosteneva che i team itas avrebbero dovuto essere più coraggiosi, dato che la loro strategia... Continue Reading →

PUNTO E A CAP – PIÙ TOTY PER TUTTI

Al mio decimo anno di fut e dopo migliaia di sbc completate posso finalmente dirlo: ho trovato un Toty. Il tempo che ci è voluto per arrivare a questo giorno racconta solo in parte l'esperienza mistica, pertanto beccatevi il resoconto. E' venerdì sera. Sono da poco uscite le menzioni d'onore e la scimmia si è... Continue Reading →

NATALE A CALDERA

Sì, lo so, ho appena finito di asciugarmi le lacrime per la mia amata Verdansk, ma non entrerò nella polemica su quale mappa sia meglio: A - perché il passato è passato ed è inutile che mi dici: ah minchia quando andavamo noi al liceo! Siamo dei boomer di Verdansk zio, godiamoci il presente B... Continue Reading →

CARTOLINE DA VERDANSK

Un aereo che buca le nubi e apparivi così: le torri di Prison, guardiane del mare, le gru, i sobborghi, lontano il profilo austero di Dam. Oggi scendiamo a casa mia. E pingavo Promenade East, così sovietica e così borghese. Sì, perché ognuno ha un quartiere di Verdansk che ha imparato a chiamare casa: il... Continue Reading →

Blog at WordPress.com.

Up ↑